6 Marzo 2010 - Vista una giornata spettacolare con un cielo senza nuvole, per non andare nel caos delle piste da sci, con Simone siamo andati dove nessuno aveva messo piede, partendo dalla casa di Pian di Novello, seguendo la pista di fondo fino al rifugio del Lagacciolo siamo saliti sulla destra fino a raggiungere, la terrazza naturale più bella dell'Appennino Toscano, il Prato Bellincioni, l'escursione è semplice ma abbastanza lunga, però ha ripagato a pieno, prima di noi solo qualche traccia di capriolo e qua prima di lasciarvi alla visione delle foto, cito una grande frase: "Da quassù il mondo degli uomini altro non sembra che follia, grigiore racchiuso dentro se stesso. E pensare che lo si reputa vivo soltanto perché è caotico e rumoroso" W. Bonatti Condividi


Ricomincia