Condividi GoKeN.iT



Ricomincia

Prima di tutto voglio ringraziare tutti i partecipanti a questa magnifica 2 giorni di trekking appena terminata, perciò ringrazio Federico M. (Icoz), Federico B., il Morini (Firenze_Regna) e Tommasone e il Rifugio Duca degli Abruzzi sul Lago Scaffaiolo che ci ha ospitato; l'itinerario come a subito qualche piccola variazione perciò abbiamo percorso qualche km in più di quanto avevo previsto, a parte un po' di vento forte domenica mattina, sul crinale, per il resto tutto ok, sono veramente soddisfatto del trekking e dei ragazzi che vi hanno partecipato!!!

Sabato 19 Maggio 2007: mi sveglio alle ore 6:30, alle ore 6:50 partiamo io e mio cugino per andare a prendere Icoz a Uzzano con un ritardo di circa 10 minuti arriviamo da lui ore 7:10 si riparte, ripassiamo da casa mia e di fede per prendere i biglietti del Bus che Fede aveva dimenticato... a questo punto, siamo al completo e partiamo con meta a Pontepetri, arriviamo con un po' di anticipo alle ore 8:00 circa, riesco a trovare posto nella piccola piazzetta tempo di prepararci e fare qualche foto prima della partenza e ci dirigiamo verso la fermata del Bus, dove dopo pochi minuti arrivano gli altri due ragazzi di AbetoneForum (Firenze_Regna e Tommasone)... Con puntualità arriva il Bus della Copit che ci porta all'Abetone... ore 10:11 inizia ufficialmente il trekking con partenza dalla piazza dell'Abetone in poco tempo siamo già nel bosco, il sentiero inizia a salire verso la prima vetta se così la vogliamo chiamare di M. Maiori, raggiunto il bivio della Verginetta aggiriamo il crinale prendendo il sentiero sulla sinistra che passa accanto al Lago della Risaia, qua facciamo una breve sosta, come sempre ogni 500m io mi fermavo a fare qualche foto, tempo di fare uno spuntino e si riparte verso il Libro Aperto dove facciamo una lunga sosta per pranzare e riposare prima di ripartire lungo il crinale, fin qui si nota subito il passo veloce e sicuro del Morini e di Tommasone due camminatori doc, la salita fin qui è stata abbastanza faticosa sopratutto per Icoz in quanto da vero guerriero ha affrontato l'intero trekking con difficoltà respiratorie causate dal naso rotto in maniera scomposta che non gli ha permesso una buona respirazione! perciò dinuovo complimenti per il coraggio e la volontà di proseguire dimostrata da Icoz... Diciamo che da qui fino al rifugio il percorso si svolge tutto sul crinale e bene o male è tutto un sali e scendi abbastanza agevolte anche se la difficoltà stà nei circa 16Km totali della nostra prima giornata.. si prosegue sempre con il sentiero CAI 00 verso Cervinara, M.Lancio e Cima Tauffi dove facciamo un'altra breve sosta, si prosegue verso Colle Acquamarcia e verso i Balzoni, il panorama è stupendo anche se c'è un po' di foschia in basso e la temperatura non sia molto alta, guardandoci alle spalle notiamo stupiti quando abbiamo già camminato, stiamo camminando paralleli al crinale opposto e nel canale che ci separa c'è la strada statale che da Pistoia porta all'Abetone, più si procede e più prendo gusto a camminare essere lassù è veramente bello, si prosegue sul Colle Piaggiacalda e Vista del Paradiso dove facciamo una sosta per vedere un gruppo di modellisti intenti nel far volare i loro splendidi aerei radiocomandati senza motore, dopo circa 20 minuti di sosta ripartiamo per scendere verso il Passo della Croce Arcana da qui mancano circa 60 minuti per arrivare al Rifugio, ormai le gambe vanno da sole, quasi per inerzia, non vedevo l'ora di arrivare per levarmi lo zaino strapieno di roba, passando dallo Spigolino verso passo della Calanca alle ore 18:00 quasi in punto si arriva al Lago Scaffaiolo 1775m dove c'è il Rifugio Duca degli Abruzzi che ci ha ospitato, il vento in questa zona tira veramente forte, l'ambiente è carino clima molto ospitale, all'arrivo troviamo i classici cavalli liberi che stanno nei pressi del Lago e il classico bel conone labrador tutto nero chiamato se non ricordo male Crina! Alle ore 19:30 c'è la cena nel frattempo relax assoluto per tutti, faccio una breve passeggiata lungo il lago ma inizia a far freddo e perciò rientro al calduccio, come cena Tagliatelle al Ragù, Polenta con Spezzatino e Crostata ai Frutti di Bosco! I due Federico subito dopo la cena vanno a letto, invece io, tommasone e il morini ci cimentiamo in giochi da tavole e a scala 40 con il Morini vincente! A questo punto mi ritiro a dormire, la camerata è nuova e ben tenuta, personalmente mi sveglio 3-4 volte, cmq la dormita è strepitosa...

Domenica 20 Maggio 2007: Mi alzo dal letto senza la sveglia alle ore 7:20 alle ore 8:00 tutti sono svegli e pronti per fare un'abbondante colazione, io mi bevo circa 0,5l di latte + caffè + 1 fettona di pane con miele e 4 fette biscottate zeppe di burro e nutella per finire una fetta di pane arrostita senza nulla. Salutiamo tutta la gente del Rifugio che ci ha ospitato e dopo qualche foto di rito ripartiamo alle ore 9:26 passiamo dal Cornaccio fino al Passo dello Strofinatoio qua incontriamo alcune persone e un signore gentilmente ci fa una foto di gruppo :-) fin qui le gambe procedono benone anche se il vento picchiava forte e il freddo si faceva sentire costringendomi ad usare magliette felpa e giacca a vento, decidiamo di fare una variante raggiungendo la Vetta del Corno alle Scale 1945m, la visuale da qua su è splendida si domina tutte le vallate intorno, molto affascinante resta la vetta della Nuda che prossimamente affronterò partendo da Lizzano in Belvedere, da qua su il Lago Scaffaiolo è veramente piccolo, dopo una sosta in vetta riscendiamo al Passo e ci ributtiamo definitivamente nel versante Toscano, scendiamo velocemente di quota verso il Passo del Cancellino dove sostiamo nuovamente e da qui in un primo momento tentiamo di arrivare al Monte Gennaio tramite il crinale ma non riuscendoci decidiamo di tornare sul sentiero che lo costeggia sulla destra passando dalla Fonte dell'Uccelliera, Poggio delle Ignude, Passo della Nevaia Poggio dei Malandrini e giù per la pausa pranzo al Rifugio del Montanaro ore 13:05, dopo una bella sosta ripartiamo, ormai il grosso è stato fatto il percorso è abbastanza tranquillo e scorrevole tutta discesa... Pedata del Diavolo, Rombiciato, P.ta della Crina, Piano dell'Inferno, Fontanelle e Pian delle Poste da qui l'itinerario cambierà leggermente in quanto la segnaletica diventerà scarsa e i sentieri tenuti abbastanza male, perciò imbocchiamo una agevole strada forestale che alla fine ci porta sulla strada asfaltata poco sopra Pontepetri, l'arrivo è stato alle ore 16:06 ultima foto ricordo e ci salutiamo!!! è stata una bella esperienza e un favoloso trekking in compagnia... alla prossima uscita!!! a breve tutte le migliori foto sul mio sito web... nb. vi farò avere un DVD con tutte le foto! CIAO e dinuovo grazie a tutti i partecipanti!